Taranto

LUOGHI DA VISITARE A TARANTO

1. Tempio di Poseidone, le due colonne doriche di Taranto

“Questa struttura è presente a pochi metri dal castello aragonese.”

 

2. Museo Archeologico nazionale di Taranto

Indirizzo:
Via Cavour 10, nei pressi di Piazza Garibaldi
.

GIORNI E ORARI DI APERTURA

dal martedì al sabato (massimo 40 persone)
dalle ore 8:30 alle ore 19:30
(ultimo ingresso prenotabile alle ore 17:30)

 

lunedì riservato ai gruppi
(massimo 40 persone)
dalle ore 8:30 alle ore 19:30
(ultimo ingresso prenotabile alle ore 17:30)

 

domenica e festivi (nessun limite di ingresso di visitatori)
dalle ore 9:00 alle ore 13:00 – l’ultimo ingresso prenotabile alle ore 12:30
dalle ore 15:30 alle ore 19:30 – l’ultimo ingresso prenotabile alle ore 19:00

 

Chiusura

1 gennaio e 25 dicembre

 

Prenotazione online

Obbligatoria dal lunedì al sabato. Consigliata la domenica ed i festivi

Si accede al Museo con prenotazione obbligatoria, prenotando al link:


Biglietto Individuale e Gruppi ingresso MArTA martedì – sabato


Biglietto ingresso MArTA per Gruppi lunedì

3. Il Castello Aragonese e il Ponte girevole

Informazioni per la visita al Castello Aragonese

Orari di apertura
Tutti i giorni.
Il Castello si visita a turni che partono ogni ora circa con una visita guidata gratuita.

 

Ingresso gratuito


Informazioni allo 0997753438

 

4. La Cattedrale di San Cataldo

La principale chiesa di Taranto è dedicata al patrono San Cataldo, di cui conserva le spoglie. 

Informazioni per la visita alla Cattedrale di San Cataldo

Orari di apertura
Tutti i giorni dalle 08.30 alle 12.45 e dalle 16.30 alle 19.30; domenica e festivi dalle 08.30 alle 12.30 e dalle 16.30 alle 19.30.
L’accesso al Cappellone può avvenire anche da via Duomo 134, anche durante le celebrazioni religiose.

Costo del biglietto
Ingresso gratuito.

 

5.La Città Vecchia di Taranto

La Città Vecchia di Taranto (o Borgo) non gode di buona reputazione, lo diciamo subito. Taranto è stata fondata più di 2700 anni fa quasi sicuramente dai Spartani e la storia è ancora perfettamente visibile negli ipogei, i palazzi nobiliari, le facciate delle chiese.  Il modo migliore per scoprire Taranto vecchia è partire dalla “Ringhiera“, in realtà Corso Vittorio Emanuele III, una strada che costeggia il mare e regala scorci meravigliosi sulle Isole Cheradi e il Mar Ionio. Entrando dal ponte girevole troverà subito il Castello Aragonese e subito accanto il Palazzo di Città con le 3 colonne del Tempio di Poseidone che sono le colonne doriche più antiche della Magna Grecia, un tempio costruito prima di quelli di Paestum Siracusa. Continuando, si incrociano Palazzo Ayala oppure prendere via Duomo. Qui passato e presente si incrociano: pub e vecchi negozi, il Convento di San Francesco e la street art. Via Duomo porta inevitabilmente al Duomo di San Cataldo. Prima di lasciare il Borgo vi consigliamo di bussare al portone di Via Cavour 51 e chiedere di vedere la Cappella Gotica, una piccola chiesa gioiello nascosta all’interno del cortile di un palazzo (tel. 3299335184) Da qui si può prendere il Ponte di Pietra che permette di lasciare la città vecchia.

6.Taranto Sotterranea

Il sottosuolo della città vecchia di Taranto è ricco di ipogei. Partiamo dall’Ipogeo di Palazzo de Beaumont – Bellacicco (prenotazione al 330438646) che si trova lungo la “Ringhiera”. (Corso Vittorio Emanuele III, una strada che costeggia il mare). Si trova 5 metri sotto il livello del mare ed è l’unico in tutta Taranto. Sotto il Palazzo Delli Ponti (largo Gennarini) sono state ritrovate 8 tombe ed uno dei più curati, anche come allestimento delle luci.  Gli ipogei indicati in precedenza sono tutti visitabili soprattutto grazie al lavoro di associazioni come Nobilissima Taranto (3274557909) o Filonide Taranto (330438646).6.

7.Le Isole Cheradi

Lo sanno in pochi, ma Taranto ha 3 isolotti: San Paolo, San Pietro e San Nicolicchio, oramai scomparso. La storia di queste isole è leggendaria: i Greci chiamavano queste isole Elettridi perché dedicate a Elettra. Nel Medioevo le isole diventarono luogo di culto con molte chiese di cui non resta nulla. Oggi, infatti, si può visitare solo l’isola di San Pietro dove si dice sia sbarcato il primo Papa prima di andare a Roma.

 

Informazioni per la visita all’Isola di San Pietro

Come arrivare
Con le motonavi gestite da Amat – Kyma con 6 partenze andata e ritorno al giorno. Si parte da Piazzale Democrate.

Costo del biglietto
11,50 euro a persona che comprende anche l’ingresso al lido della Marina Militare. I biglietti si comprano presso l’Ufficio Vendite Amat, (via D’Aquino n.21) o le rivendite autorizzate (anche in Vico del Ponte) vicino al punto di imbarco.

 

8. I delfini del JDC

a Taranto c’è il JDC Jonian Dolphin Conservation, un’associazione che si occupa di tutela del mare e dei cetacei. Si parte dal Molo Sant’Eligio a Taranto nella Città Vecchia per un’escursione in catamarano di circa 6 ore. i naviga nel golfo di Taranto ammirando le coste di Puglia, Basilicata e Calabria. Nel 90% dei casi si avvistano i delfini che vivono in questo mare da migliaia di anni. A bordo si Il costo è di 40 Euro per gli adulti, 20 euro per i ragazzi dai 4 agli 11 anni. Gratis per i bambini dai 0 ai 3 anni. Le bibite sono già incluse nel prezzo.

Translate »
Le Casette di Lizzano